Scatti di poesia | Zaghzugh ta’ dejjem
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
16363
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16363,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Zaghzugh ta’ dejjem

Gino Theuma

Rassegna
scatti di poesia 2017
Tags
Zaghzugh ta’ dejjem
I versi:

Fuq wiccek biss, ja bahar,
Zaghzugh ta’ dejjem,
Jghaddu s-snin bil-mija,
Bl-eluf u bl-ghaxart elef,
U qatt ma jonqxu l-ghelma tax-xjuhija.

 

Fik il-milja tal-hajja,
Qalbek thabbat bla heda u sidrek maghha
Jofrogh u jimla, u tghoddlok
Il-mewga fuq ix-xtut it-tahbit taghha.

 

U bhal wiehed li garrab
Il-hakma tal-imhabba,
Int ’l-art hanina
Thaddan u tbus u tkellem,
U l-kelma li tghidilha hi safja u bnina!

 

Izda meta ta’ sahhtek
Joghgbok il-kotra b’xi taqliba tfisser,
U nara ’l sidrek jikber,
U l-halel bojod fuq il-blat titkisser…

 

Jaqbadni l-biza’, u nibki
Narak taqbad l-igfien u tilghab bihom,
Bla xejn ma tahseb, kiefer!
Fid-dmugh tal-imsejknin li hemm go fihom.

 

Imma toghgobni, nhobbok,
Ja bahar, meta tfajjel minghajr dnewwa,
Tinxehet fuq ir-ramel
Ta’ xtajta
U kollok cajt u kollok hlewwa…

 

Tilghab b’werqa tal-alka,
Jew b’sebghek tinbex xi bebbux fil-bejta,
U thaxwex dik il-ghanja
Li tghallimtha fil-bidu u qatt ma nsejha.

 

Dun Karm

 

Per sempre giovane
traduzione di Oliver Friggieri

 

Solo sul tuo viso, o mare,
Per sempre giovane,
Passano gli anni a centinaia,
A migliaia e anche a diecimila,
E mai incidono il segno della vecchiaia.

 

In te risiede la pienezza dell’essere,
Il tuo cuore batte senza sosta e con esso 
Il tuo seno si svuota e si riempie, e ti conta
I suoi battiti l’onda sulla spiaggia.

 

E come se fossi uno
Che ha subìto il dominio dell’amore,
Tu questa cara terra
Abbracci e baci, e le parli,
E la parola scelta è pura e saporita!

 

Ma quando della tua potenza
Ti piace con una tempesta dare prova,
E vedo ingrandirsi il tuo seno,
E le bianche onde frantumarsi contro le rocce…

 

Mi assale la paura, e piango
Vedendoti prendere le navi come giocattoli,
Senza per niente ricordarti, crudele!
Delle lacrime degli sfortunati
Rinchiusi tutti dentro.

 

Ma mi affascini, ti amo,
O mare, quando,
Fanciullino senza malizia,
Ti sdrai sulla sabbia
Di qualche spiaggia
E scherzoso e altrettanto dolce…

 

Giuochi con una foglia d’alga
O con un dito stuzzichi una lumaca nel nido,
E mormori quella canzone
Che hai imparato all’inizio e non l’hai più scordato.