Scatti di poesia | [Te flas per mbytjen kjo me eshte dhene per fat]
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
16358
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16358,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

[Te flas per mbytjen kjo me eshte dhene per fat]

Michele Roberto

Rassegna
scatti di poesia 2017
Tags
[Te flas per mbytjen kjo me eshte dhene per fat]
I versi:

Te flas per mbytjen kjo me eshte dhene per fat
e kame pare vdekjen deri tek marramendja e vajzes time
nga mushkerite kane kapercyer kuajt
gllenka me ka thare prehrin
kripa me ka zbardhur kariet e pupilave
kam fatin te dashuroj por jo te me duan pemet
me vdesin ne det ne linjen e brinjeve
sepse zoti do qe te dua vetem ate
dhe ai te kuroj pemet, detin dhe une dashurine per duart e tij
– Une te mbetem ne stomak, te them, uje me klor
agjerim qe ushqen jam, mikpritja o zot
nese ekujlibri me eshte dere mungese
bem valle deti!
– Ti je dige, me thua
barrikate valeprites
pengese, barriere drite
e vertete si kanceri kur te ndaj nga deti
– Bejme nje pakt, ta firmosim tashme ketu
jepme force te jem dashuri per te gjithe
per pemen, detin, per nje dritherime kufome
per nje popull nen torturen e tregtareve
une kam qene ne varrimin e miqve
vdekja me eshte dora e majte
do te te kursehet fati I stineve, mbas shpine
une do te kujdesem per ty, pemet, gjakun, detin
dhe ti ushqeme me ty e dashur, me kohen qe do te te mbetet!

 

Anila Hanxhari

 

[Parlare del naufragio questo mi è stato dato in dono]
traduzione dell’Autrice

 

Parlare del naufragio questo mi è stato dato in dono
l’ho vista la morte fino alla vertigine di mia figlia
dai polmoni sono scattati i cavalli
la sorsata mi ha dissecato il grembo,
il sale mi ha sbiancato le carie delle pupille
ho il dono d’amare ma non di essere amata dagli alberi
mi muoiono nel mare sulla linea delle costole
perché dio vuole che ami solo lui
e che lui curi gli alberi, il mare e io l’amore per le sue mani
– Io sono indigesta dico, acqua calcarea
il digiuno nutrimento, l’accoglienza dio
se l’equilibrio mi è porta di mancanza
fammi danza di mare
– Tu sei diga, mi dici
lo sbarramento di frangiflutti
un ostacolo, una barriera di luce
vera come un cancro quando ti separo dal mare
– Facciamo un patto consacriamolo ora qui
dammi la forza di essere amore per tutti
per un albero, per il mare, per un tremolio cadavere
per un popolo nel supplizio dei mercanti
io sono stata nei funerali degli amici
la morte mi è mano sinistra
– Ti sarà risparmiata la sorte delle stagioni, alle spalle
io curo te, gli alberi, il sangue, il mare
e tu nutrimi di te, amore, del tuo tempo rimasto!