Scatti di poesia | Quando alla Murgia
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
15589
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-15589,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Quando alla Murgia

Francesco Mezzina
Immagine

Francesco Mezzina

Rassegna
scatti di poesia 2015
Tags
Quando alla Murgia
I versi:

Quando alla Murgia è fiore zafferano,
l’origano tra i ciuffi, sopra i sogni
generazioni di cavalli ancora
sulla pianura corrono le siepi
e l’erba non è spenta, non è spenta.
A Pasqua fioriranno gli asfodeli
e dal silenzio delle tombe antiche,
sarà l’estate, se chiamate i morti,
vento o sole risponderanno
e dall’alba al tramonto
odor di menta oltre la grava.
Quando Cassano è vento di collina
strisciamo oltre il mare ombre insepolte,
lontane voci sino al cuore battono
a Femmina Morta. Passa l’inquieta
sorte, passa il verde al convento
e i prati emergono sull’aria mossa
dell’autunno, oltre le Murge fremono.

 

Vittore Fiore