Scatti di poesia | Mondello
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
16377
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16377,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Mondello

Mariano Argentieri

Rassegna
scatti di poesia 2017
Tags
Mondello
I versi:

Nuotavo con occhi felici
e guardavo il golfo di
perla, portato
dall’onda
che mi allontanava.
La spiaggia spariva e con
essa gli alberi verdi, le ville dai molti colori e
la cerchia di ferro.
Infine sfumava la grigia montagna che tutto sovrasta.
Lasciavo che il corpo fluttuasse
e ignoravo le grida, i richiami
a tornare.
Vedevo lontano apparire i colori
dei legni su cui si affannavano molti
a venirmi a cercare.
Nuotavo e il canto del mare e l’onda leggera
mi diceva che ero parte
di lui.
E volevo che lui mi portasse
lontano.
Con lui volevo restare
nel golfo incantato.
E l’onda portava al Capo ferrigno
là dove il colore da azzurro diventa poi nero
e il mare si mostra per quello che è:
possente, maestoso e crudele.
E forgia di sé
gli uomini che con
lui si confidano.

 

Emmanuele Francesco Maria Emanuele