Scatti di poesia | Mare in blu
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
16379
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16379,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Mare in blu

Giuseppe Pavone

Rassegna
scatti di poesia 2017
Tags
Mare in blu
I versi:

Con le braccia aperte in faccia alla naca del sole
Adriatico spande nell’aria l’odore vivo del sarago
dopo aver messo incinte migliaia di cozze patelle
rientra da oriente a sparigliare i mondi nostrani
per ogni onda una geografia da rovesciare a riva

 

Per ogni onda una geografia da rovesciare a riva
sopra un trireme è giunto ieri un figlio di Minosse
con un orciolo di vino spremuto a caldo tra i piedi
ha piantato le tende e gli dei in mezzo alla pianura
e ha messo un ulivo a fare la parte del faro diurno

 

E ha messo un ulivo a fare la parte del faro diurno
prima che tizio caio e sempronio a botta di gladio
sbarcassero a taglieggiare anzitempo le granaglie
e mettessero sotto i piedi pure la rosa dei venti
per dire e spedire ovunque l’aggettivo nostrum

 

Per dire e spedire ovunque l’aggettivo nostrum
dopodiché una morra di caicchi trabaccoli tartane
e di velieri e gommoni ha inguacchiato l’orizzonte
ma non è questa la maniera d’imprigionare il blu
quanto è vero che certi giorni io mi chiamo mare

 

Quanto è vero che certi giorni io mi chiamo mare
perciò mi viene spesso in testa di mettermi a mollo
di andare sotto a parlare con le statue della sabbia
di fare pure il morto coricandomi sull’acqua salata
cosicché posso pure imparare l’arte della traversata.

 

Lino Angiuli