Scatti di poesia | Le palme
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
16947
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16947,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Le palme

Barletta

Franco Altobelli

Rassegna
scatti di poesia 2019
Tags
Barletta, Emmanuele Francesco Maria Emanuele, Franco Altobelli, le palme
I versi:

Le palme 

 

Le palme parlano tra loro
con il linguaggio del vento.
Raccontano il loro lungo viaggio
dai deserti e dalle oasi.
Ora approdano all’isola
vivono in un mondo a loro ignoto
di incanto dicono i visitatori
guardando la loro armonia e grazia.
Ma alle palme tutto ciò appare incomprensibile.
Rumori, odori, a loro
sono del tutto estranei.
La cosa che dà loro conforto e felicità di esistere
è il vento, la vista del mare
che nel ricordo le congiunge alle terre da dove partirono,
la vista delle altre piante sorelle,
e il canto della lodola
che si rifugia tra i loro rami.

 

Emmanuele Francesco Maria Emanuele