Scatti di poesia | Il trabucco di Cagnano
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
15404
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-15404,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Il trabucco di Cagnano

Mimmo Attademo
Immagine

Mimmo Attademo

Rassegna
scatti di poesia 2014
Tags
Il trabucco di Cagnano
I versi:

Torrido rotea il sole a specchio sui laghi.
È il momento.
Da acque salmastre e arse sciamano
in trasparenze chiare a pasture
di cale profonde i cefali azzurro dorati.
Eccitati branchi al varco
tra pali e palco sospesi sul baratro dello scoglio.
L’agguato è nella rete da vibratili antenne tesa
a luminescenze d’onde e cupi fondali di risacche.
Martirio dell’incontro
nella correntia perenne.
Abbrivo interrotto del viaggio più amaro
che l’immoto assedio del trabuccolante
colmo di stupore al brulichio guizzante.
Al silenzio del vento
bruciato dal sole e dalla sete.
Cristanziano Serricchio