Scatti di poesia | De finibus terrae
(notturno a S. Maria di Leuca, 11 agosto 1995)
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
15579
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-15579,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

De finibus terrae

(notturno a S. Maria di Leuca, 11 agosto 1995)
Sergio Camplone
Immagine

Sergio Camplone

Rassegna
scatti di poesia 2015
Tags
De finibus terrae
I versi:

Si scolora la luce dell’ultima lampara
come la notte, a brani, a poco a poco,
silenziosamente
e non è luna, non è fuoco nel mare
ma punto fermo in equilibrio
sulla linea sempre più sottile
che ora divide l’orizzonte
e il tempo
e la mia mente ancora in viaggio
come quella lampara sola
le reti sciolte in acqua al suo ritorno
verso il limite estremo dello sguardo
in questa notte che non ha infinito
al confine del mondo, di ogni cosa.

 

Vincenzo Mascolo

inedito