Scatti di poesia | Chjama u Mare Terraniu
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
16361
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16361,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Chjama u Mare Terraniu

Philippe Pierangeli

Rassegna
scatti di poesia 2017
Tags
Chjama u Mare Terraniu
I versi:

Ti aghju fattu u celu cun centumila stelle
Ci hè Diana di l’alba è Diana di a sera
Da purtà e to bande di sogni più sereni
Nant’i chjassi di u mare è l’onde di a terra
Quandu s’apre l’abissu è l’anima s’intela:
Ci stanu tanti mostri curnuti cum’è fiumi

 

Tuttu ciò ch’è tù sai
L’aghju inventatu eiu…

 

À tè,
Ti aghju datu e carte, i fanali è i porti
A cunchiglia marina duve pianghje u distinu
Ti chjama l’altra vita al dilà di u marosu
Piglia puru u mare chì l’avvene hè sicuru
Da fà bellu celente ci vole notte scura
Dumane stà digià à l’affaccu di u molu

 

Tuttu ciò ch’è tù sai
L’aghju inventatu eiu…

 

Ma tù…
Ai inventatu u restu: l’arme è l’odiu tetru
E parolle pistola, a ferita rimbeccu
U sangue ch’imbriaca è a voce vindetta
L’idea chi ammazza è l’idea catena
U ghjornu hè troppu stancu di schjarì tante guerre
I venti anu da ghjunghje à straccià ti a bandera

 

À tè,
T’aghju da caccià u sole, u mare è a terra
U focu si hà da spenghje, a burriana hè pronta
Ùn ti aghju datu u sole da siccà ti lu core
Ùn ti aghju datu u mare da annigà lu à lacrime
Ùn ti aghju datu a terra da annacquà la di sangue
Ripiglia sale in zucca o ti lampu a saetta

 

Tuttu ciò ch’è tù sai
L’aghju inventatu eiu…

 

Fà e paci c’a pace s’è tù voli a vita

 

Ghiacumu Thiers

 

Il Mediterraneo chiama
traduzione di Patrizia Gattaceca

 

Ti ho fatto il cielo con centomila stelle
E Venere dell’alba, Venere della sera
Per condurre le tue greggi di sogni più sereni
Sulle strade del mare e le onde terrene
Quando si apre l’abisso e si spaventa l’anima
Ci stanno tanti mostri cornuti come fiumi

 

Tutto quello che sai
L’ho inventato io

 

A te 
ho dato le carte e i fari e i porti
La conchiglia marina in cui il destino si lamenta
Al di là dell’onda ti chiama l’altra vita
Ora puoi salpare, l’avvenire è sicuro
Non c’è bel firmamento senza una notte oscura
Domani già si sta affacciando sul molo

 

Tutto quello che sai
L’ho inventato io

 

Ma tu 
Hai inventato altro: le armi e l’odio tetro
Le parole pistola, la ferita rinfacciata
Il sangue che ubriaca e la voce vendetta
L’idea che ammazza e l’idea catena
Il giorno è troppo stanco di rischiarare guerre
Si approntano i venti per stracciare la tua bandiera

 

Ora io 
Vado a levarti il sole, il mare e la terra
Il fuoco va a spegnersi, la buriana si prepara
Non ti ho dato il sole per inaridirti il cuore
Non ti ho dato il mare per annegarlo di lacrime
Non ti ho dato la terra per annacquarla di sangue
Metti la testa a posto oppure ti mando la saetta

 

Tutto quello che sai
L’ho inventato io

 

Fa’ la pace con la pace se vuoi la vita