Scatti di poesia | Cade a pezzi a quest’ora sulle terre del Sud
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
14877
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-14877,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Cade a pezzi a quest’ora sulle terre del Sud

Immagine

Pio Tarantini

Rassegna
scatti di poesia 2014
Tags
Cade a pezzi a quest’ora sulle terre del Sud
I versi:

Cade a pezzi a quest’ora sulle terre del Sud
un tramonto di bestia macellata.
L’aria è piena di sangue,
e gli ulivi, e le foglie del tabacco,
e ancora non si accende un lume.
Un bisbigliar fitto, di mille voci,
s’ode lontano dai vicini cortili:
tutto il paese vuole fare sapere
che vive ancora
nell’ombra in cui rientra decapitato
un carrettiere delle cave. Il buio,
com’è lungo nel Sud. Tardi s’accendon
le luci delle case e dei fanali.
Le bambine negli orti
ad ogni grido aggiungono una foglia
alla luna e al basilico.

Vittorio Bodini