Scatti di poesia | Air mail da/per Galatina
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
14876
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-14876,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Air mail da/per Galatina

Immagine

Berardo Celati

Rassegna
scatti di poesia 2014
Tags
Air mail da/per Galatina
I versi:

I grilli cantarono l’addio
l’arcobaleno salpò le procellarie
alitava droghe il vento d’Oriente
babilonia di silenzi che tramava
scarabocchi di storie tracciati taccuini.
Giocoliere di onirici arazzi ho consumato
stazioni fuggenti dune nadir stelle
fiammeggianti spleen.
Ora è vuota la clessidra e i basolati
di via Lillo sono pietra grigia
ogni pietra è un cuore che si è arreso
alle volubili lune che non ha incurvato.
È stagione di brezze che imbiancano le mani
le terrazze silenti sospirano all’angelo ingrato
non resta che il gioco di disfare
le immagini riflesse dallo stagno
dell’attore imperfetto la voce impigliata
nella spelonca linea di confine
oltre le zolle diffrante del tabacco.
Aldo Bello