Scatti di poesia | POETI – 7a ed
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
17238
page-template-default,page,page-id-17238,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

POETI – 7a ed

Remigio Bertolino [Montaldo Mondovì (CN), 1948]. Vive a Vicoforte (CN), dove ha insegnato nella scuola primaria. Diverse le raccolte poetiche tra cui: L’eva d’ënvern (1986); Sbaluch (1989); A lum ëd fiòca (1995); Ij sègn dl’Apocalisse e altri monologhi (1998); Stanse d’ënvern (2006); Versi scelti 1976-2009 (2010); Litre d’ënvern (2015); Nuvole di primavera (2019). In prosa ha pubblicato: Al ballo del tempo (2005); Il maestro della montagna (2009); Rabeschi (2009); L’uomo che raccontava della guerra del sale (2017).

Maria Grazia Cabras [Nùoro, 1954]. Vive a Firenze, dopo molti anni trascorsi ad Atene dove ha studiato e lavorato come traduttrice e interprete. Tra le pubblicazioni: Viaggio sentimentale tra Grecia e Italia (2004); Erranza consumata (2007); Canto a soprano (2010); Bambine meridiane (2014); Bestiario dell’istante: Poesias in duas limbas (2017). Ha tradotto il racconto di A. Papadiamantis Τὸ vησί τῆς Οὐρανίτσας [L’isola di Uranitsa] dal Neogreco in Sardo (1994). È redattrice della rivista «L’area di Broca».

Ombretta Ciurnelli [San Martino in Campo (PG), 1947]. Vive a Perugia dove ha insegnato nei Licei. Per la sua produzione dialettale utilizza il registro arcaico del contado. Ha pubblicato, tra l’altro, Badarellasse ncle parole, abbecedario di acrostici (2007); L’arcontastorie (2009); Si curron le formiche (2010). Tra i curatori dell’antologia oliveTolive, Poesia dell’Olio e dell’Olivo da Omero a Oggi (2011), ha anche curato l’antologia Dialetto Lingua della Poesia (2015) e il saggio Lingue allo specchio. L’autotraduzione nella poesia dialettale (2019).

Nino De Vita [Marsala (TP), 1950]. Esordisce nel 1984 con la raccolta Fosse Chiti, cui fa seguito una trilogia in dialetto siciliano: Cutusìu (2001); Cùntura (2003); Nnòmura (2005). Sempre in versi pubblica Òmini (2011); il romanzetto in versi A ccanciu ri Maria (2015); Sulità (2017); Tiatru (2019). Ha pubblicato i racconti per ragazzi: Il cacciatore (2006); Il racconto del lombrico (2008); La casa sull’altura (2011); C’erano tutti nella grande aia (2018). Di recente sono uscite tre antologie della sua opera (una negli U.S.A).

Nelvia Di Monte [Pampaluna (UD), 1952]. Risiede in provincia di Milano. In friulano ha pubblicato le raccolte poetiche Cjanz da la Meriche 1996; Ombrenis (2002); Cun pàs lizêr (2005); Dismenteant ogni burlaz (2010); Sojârs (2013). Poesie in italiano sono raccolte nella plaquette Nelle stanze del tempo (2011). È presente in varie antologie, anche negli U.S.A. Collabora al periodico «Periferie».

Dante Maffìa [Roseto Capo Spulico (CS), 1946]. Ricercatore e docente nell’ambito della cattedra di Letteratura Italiana presso l’Università di Salerno, vive a Roma. Numerose le raccolte in lingua italiana e dialettale tradotte in diverse lingue, tra cui Il leone non mangia l’erba (1974); Le favole impudiche (1977); Caro Baudelaire (1983); U ddìje poverìlle (1990); Papaciòmme (2000); Ultimi versi d’amore (2004); Abitare la cecità (2011); Ritorno a Reggio: poesie (2019). Numerosa anche la produzione narrativa, saggistica. Ha fondato e diretto riviste letterarie. Recente il volume degli Atti del convegno sulla sua opera: Ti presento Maffia (2016).

Marcello Marciani [Lanciano (CH), 1947]. Vive a Lanciano, dove ha esercitato la professione di farmacista. Fra le sue varie opere in versi, in lingua e in dialetto: Body movements, con traduzione inglese a fronte di Amelia Rosselli (1988); Caccia alla lepre (1995); Per sensi e tempi (2003); La corona dei mesi (2012); Rasulanne (2012); Monologhi da specchio (2017); Revuçegne (2019). Suoi testi in dialetto sono stati eseguiti negli spettacoli Mar’addó’ (1998-1999) e Rasulanne (2008/2012). È presente in numerose antologie.

Piero Marelli [Limbiate (MI), 1939]. Vive a Verano Brianza (MB). Numerosa la produzione in lingua e in dialetto tra cui: Se questo viaggio finisce (1981); Stralüsc (1987); Le voci che ci adottarono (1986); Eloisa (1994); ’L me bum temp (1995); A due voci (1996); Il pianeta della fortuna (1997); Haiku dei mesi: poesie in dialetto brianzolo (2000); I nocc: 2004-2008 (2008); Carta de véder (2017). Ha fondato la compagnia teatrale Il Teatro del Vento. Ha tradotto dai poeti provenzali, da Rilke e Majakovski e curato antologie poetiche.

Enrico Meloni [Roma, 1963]. Laureato in Storia moderna e in Documentazione, dottore di ricerca in Italianistica, insegna in un liceo statale di Roma. Autore di racconti, poesie, saggi letterari e storici in antologie, riviste cartacee, web. In poesia ha pubblicato: Arca allo sbando? (2004); il poemetto dialettale Er davenì (2007); Fratelli mia (2015). Per la narrativa il romanzo TrePadri (2002); Quando gli squali mangiano vento (2012). È autore del saggio Del nostro caos e della solitudine (2017) sulla memoria letteraria dell’internamento dei militari italiani nei lager nazisti.

Fabio Maria Serpilli [Ancona, 1949]. Vive ad Agugliano (AN). Laureato in Filosofia e Teologia, è stato Docente di Scrittura Creativa presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino. Esordisce in poesia con la raccolta in dialetto Castalfretto nostro (1987). Seguono Mistero in cartapesta (1993); Portonovo (1997); Ad aperto silenzio (1998); Mal’Anconia (1999); I luoghi dell’anima (2002); Esino, immagini e parole (2005); Falconara e i quaranta padroni (2009). Ha curato insieme a Jacopo Curi l’antologia Poeti neodialettali marchigiani (2018). Suo anche il Dizionario dialettale aguglianese (2010).

Nevio Spadoni [S. Pietro in Vincoli (RA), 1949]. Vive a Ravenna, dove ha insegnato Filosofia nelle scuole superiori. Le poesie in dialetto, dagli esordi e fino al 2007, sono raccolte nel volume Cal parôl fati in ca (2007), mentre l’intera produzione poetica è compresa nel volume Poesie (1985-2017) del 2017. Tradotto in diverse lingue, compare in numerose antologie italiane e straniere. È autore di opere teatrali raccolte nel volume Tutto il Teatro (2019). Ha pubblicato le antologie Le radici e il sogno. Poeti dialettali del secondo ’900 (1996), con Luciano Benini Sforza e D’un sangue più vivo. Poeti romagnoli del Novecento (2013), con Gianfranco Lauretano.

Lino Angiuli [Valenzano (BA), 1946]. Laureato in Lettere, già dirigente dell’Amministrazione regionale pugliese, vive a Monopoli. Collaboratore di quotidiani e dei Servizi culturali della Rai, ha contribuito a fondare riviste letterarie, tra cui il semestrale «incroci». Quindici le raccolte poetiche in lingua italiana e dialettale tra cui, per ultime, L’appello della mano (2010); Ovvero (2015); Addizioni (2020). La sua produzione è storicizzata in diverse opere di carattere scientifico e didattico.