Scatti di poesia | Poeti 2015
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
16310
page-template-default,page,page-id-16310,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

POETI – 3a ed

Sergej AlËšin [Mosca 1951]. Poeta e traduttore, vive a Mosca. Ha pubblicato le raccolte poetiche Zveno v cepi [Anello di catena] (2012) e Dyšit noč [La notte spira] (2013). Ha scritto anche il dramma in versi Socrato.

 

Amedeo Anelli [S. Stefano Lodigiano (Lo) 1956]. Docente negli istituti superiori, si occupa di poesia, filosofia e critica d’arte collaborando con artisti, centri culturali, istituzioni, organizzando numerosi cicli di mostre ed altre manifestazioni. Le opere poetiche più recenti sono: Omaggio ad Edgardo Abbozzo (2006); Contrapunctus (2011). Diversi i suoi lavori come saggista e traduttore. Dirige la rivista internazionale di poesia e filosofia «Kamen’».

 

Sergio D’Amaro [Rodi Garganico (Fg) 1951]. Vive a San Marco in Lamis come docente di liceo. Collabora con riviste letterarie e con la pagina culturale de “La Gazzetta del Mezzogiorno”. Opere di poesia: Il ponte di Heidelberg (1990); Beatles (2004); Fotografie e altre istantanee (2008); 20th century vox : poema cinematografico in nove scenari (2009). È anche autore di saggistica e critica letteraria. Dirige la rivista «Frontiere» per il Centro Studi Emigrazione e il Centro Studi “J. Tusiani”.

 

Anna Maria Farabbi [Perugia 1959]. Vive a Perugia, impegnata nella Pubblica Amministrazione. Redattrice di numerose riviste, si occupa anche di traduzione, teatro, critica letteraria e d’arte. Tra le più recenti opere di poesia, in lingua italiana e dialettale: La magnifica bestia (2007); La luce esatta dentro il viaggio (2008); Avemadrìa (2011); Abse (2013); Talamimamma (2014). Altrettanto numerose le opere in prosa.

 

Annamaria Ferramosca [Tricase (Le) 1946]. Biologa, vive e scrive tra Roma e il Salento. Fa parte della redazione del portale poesia2.punto0, dove cura la rubrica Poesia Condivisa. Opere di poesia: Ciclica : poesie (2014); Other Signs, Other Circles : poesie 1990-2009  (2009); Curve di livello (2006); Paso Doble : dual poems, poesie a due voci, con Annamaria Crowe Serrano (2006); La Poesia Anima Mundi : con la raccolta inedita Canti della prossimità  (2011); Porte/Doors : poesie 1999-2001 (2002); Il Versante Vero : 1990-1998 (1999). Ha curato la versione poetica italiana di 3D (2015), antologia del poeta rumeno Gheorghe Vidican.

 

Luigi Fontanella [San Severino (Sa) 1943]. Ordinario di Lingua e Letteratura Italiana presso la State University di New York, vive tra Firenze e New York. Un’ampia scelta delle poesie composte tra il 1970 e il 2005 è nel volume L’azzurra memoria : poesie 1970-2005  (2007). Le opere poetiche più recenti sono: Bertgang : Fantasia onirica (2012); Disunita ombra : (poesie 2007-2012) (2013); L’adolescenza e la notte (2015); La morte rosa (2015). Diversi i suoi lavori come saggista, narratore e traduttore. Dirige per Olschki la rivista internazionale di poesia italiana «Gradiva».

 

Francesco Granatiero [Mattinata (Fg) 1949]. Medico, vive a Torino. Tra le opere poetiche composte nella lingua dialettale di Mattinata: U iréne: poesie in dialetto pugliese  (1983); Énece (1994); Scúerzele, Spoglia : poesie garganiche di Mattinata 1995-2000 (2002); Passéte (2008); La chiéve de l’úrte (2011). Ha pubblicato anche lavori di carattere linguistico, tra cui una Grammatica (1987) e un Vocabolario dei dialetti garganici (2012).

 

Giuseppe Langella [Loreto (An) 1952]. Insegna Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università Cattolica di Milano, dove vive. Con Guido Oldani è tra i fondatori del “Realismo terminale”. Opere di poesia: Giorno e notte : piccolo cantico d’amore (2003); Il moto perpetuo (2008); La bottega dei cammei : 39 profili di donna dalla A alla Z (2013); Reliquiario della grande tribolazione : Via crucis in tempo di guerra (2015).

 

Gabriella Montanari [Lugo di Romagna (Ra), 1971]. Pittrice e fotografa, oltre che scrittrice e traduttrice, vive tra l’Italia, la Francia e l’Africa. Collabora con riviste di critica letteraria, d’informazione e d’arte italiane e francesi. È co-fondatrice e direttrice editoriale della casa editrice WhiteFly Press. Tra le opere di poesia: Oltraggio all’ipocrisia (2012); Arsenico e nuovi versetti (2013) e Abbecedario di una ex buona a nulla (2015).

 

Rita Pacilio [Benevento 1963]. Sociologa, mediatrice familiare, collaboratrice editoriale, vive a San Giorgio del Sannio (Bn) occupandosi, tra l’altro, di critica letteraria, metateatro, letteratura per l’infanzia e vocal jazz. Ha pubblicato le raccolte poetiche Gli imperfetti sono gente bizzarra : poesie (2012); Quel grido raggrumato: poesie (2014) con cui conclude il discorso sui corpi violati, avviato con la prosa poetica Non camminare scalzo (2011). Il suono per obbedienza : silloge poemusicale (2015) è il lavoro poetico dedicato al jazz.

 

Joseph Tusiani [San Marco in Lamis (Fg) 1924]. Vive a New York, dov’è stato docente universitario. Poeta quadrilingue (italiano, inglese, latino, dialetto garganico), ha pubblicato numerose raccolte, tra cui, in inglese: Collected Poems : 1983-2004 (2004); in dialetto garganico: Storie dal Gargano. Poesie e narrazioni in versi dialettali : 1955-2005 (2006); in latino: quattro volumi di Carmina (1985, 1989, 1994, 2007). In Italia, un’autobiografia in tre volumi e un romanzo. Recentemente è stato riconosciuto “poet laureate emeritus” dallo Stato di New York.

 

Antonio Verri [Caprarica di Lecce (Le) 1949 – 1993]. Geniale e prolifico promotore culturale, ha contribuito a mettere in relazione la Puglia letteraria con altre realtà internazionali. Ideatore e direttore di fogli, periodici, riviste, ha pubblicato le raccolte poetiche: Il pane sotto la neve : per Otranto, per occasioni (1983); Il naviglio innocente (1990). Ha pubblicato anche saggi e opere di narrativa.

 

 

CURATORE

Lino Angiuli  [Valenzano (Ba) 1946]. Laureato in Lettere, vive a Monopoli (Ba), dove ha diretto il Centro Regionale di Servizi Culturali. Collaboratore dei servizi culturali della Rai e di quotidiani, ha fondato alcune riviste letterarie. Numerose le sue raccolte poetiche in lingua italiana e dialettale, considerate nell’ambito di manuali scolastici ed enciclopedie. Ha pubblicato molti lavori sul versante della valorizzazione della cultura popolare. Con Raffaele Nigro e Daniele Maria Pegorari dirige la rivista «incroci».

 

I testi poetici sono inediti, ad eccezione di quelli di Alešin, Angiuli, Ferramosca, Verri.