Scatti di poesia | POETI
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
14908
page-template-default,page,page-id-14908,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

POETI

Aldo Bello [Galatina (LE) 1937 – Roma 2011]. Giornalista professionista, visse a Roma, dove fu direttore del settimanale «L’opinione» e, per la Rai, fu caporedattore del GR1, oltre che direttore del Televideo. Diresse per anni il trimestrale «Apulia» e pubblicò inchieste (sul Mezzogiorno, sulla Puglia, sul Vicino ed Estremo oriente, sul terrorismo, sull’Islam) oltre a una raccolta di Poeti del Sud (Matino 1973). Le sue poesie sono apparse su giornali e riviste.

 

Vittorio Bodini [Bari 1914 – Roma 1970]. Professore di Lingua e Letteratura spagnola all’Università degli Studi di Bari, rimane uno dei maggiori interpreti e traduttori della letteratura spagnola: importante la sua traduzione dei poeti surrealisti uscita per Einaudi nel 1957. Fondatore della rivista «L’esperienza poetica», pubblicò le seguenti opere poetiche: La luna dei Borboni (Milano 1952); Dopo la luna (Caltanissetta 1956); La luna dei Borboni e altre poesie (Milano 1962); Metamor (Milano 1967);  Poesie: 1939-1970 (Milano 1972). Pubblicò anche saggi e racconti.  I diritti dell’opera omnia di Bodini sono stati acquisiti dall’editore Besa di Nardò (Le), che sta pubblicando anche degli inediti.

 

Raffaele Carrieri [Taranto 1905 – Lombrici  (LU) 1984]. Dopo essere vissuto a Parigi, si trasferì a Milano. Tra le opere poetiche: Lamento del gabelliere (Milano 1945); Il trovatore (Milano 1953); Il cigno lanciere (Milano 1955); I giorni facili (Milano 1957); Canzoniere amoroso (Milano 1958); Io che sono cicala (Milano 1967); Stellacuore (Milano 1970); Le ombre dispettose (Milano 1974); Poesie scelte (Milano 1976); Fughe provvisorie  (Milano 1978); La ricchezza  del niente (Milano 1980). Si contano, inoltre, numerose plaquette, accompagnate da interventi artistici di Campigli, Treccani, Cantatore, Guttuso, Picasso, Migneco, Sassu, Fiume e altri. Pubblicò anche una decina di romanzi brevi, novelle e saggi d’arte sparsi in periodici.

 

Girolamo Comi [Casamassella (Le) 1890 – Lucugnano (Le) 1968]. Barone di Lucugnano, si recò da giovane in Svizzera per farvi studi irregolari; quindi fu a Parigi e a Roma, dove dimorò dal 1920 al 1946, allorquando rientrò nel Salento, fondando l’Accademia salentina e la rivista «L’Albero». Tra le opere poetiche: Il lampadario (Losanna 1912); Smeraldi (Lucugnano 1925); Cantico dell’albero (Roma 1928); Cantico del tempo e del seme (Roma 1930); Cantico dell’argilla e del sangue (Roma 1933);  Spirito d’Armonia: 1912-1952 (Lucugnano 1954); Sonetti e poesie (Milano  1960); Fra lacrime e preghiere: 1958-1965 (Roma 1966). Scrisse anche prose di carattere politico-filosofico-morale.

 

Gianni Custodero [Fasano (Br) 1936 – Bari 2009]. Giornalista professionista, direttore del Servizio Stampa della Giunta regionale pugliese, pubblicò opere poetiche in italiano e in dialetto fasanese: Ritrovarsi uomo (Bari 1975; Ravenna 1976); Per rispondere con i pugni (Manduria 1977); Pane y pemmedaure (Fasano 1978); Altreparole (Bari-Roma 1985); Da antiche radici (Soveria Mannelli  2003); Amaure de kase (Fasano 2005), oltre a plaquette, cartelle e fogli volanti a circolazione limitata. Pubblicò numerosi volumi dedicati alla storia e alla cultura regionali.

 

Giuseppe D’Alessandro [Rutigliano  (Ba) 1924]. Trasferitosi a Roma nel 1956, è stato il medico personale, tra gli altri, di Caproni, Debenedetti e Saba. Opere poetiche: Mare lungo (Roma 1967); Il tamburo di sabbia (Milano 1978); Venti di mare e di costa (Fontaniva 1993); Velocità di sedimentazione (Roma 2002); Il fiume dentro di noi (San Cesario di Lecce 2004); Il mare tutto intorno (San Cesario di Lecce 2006). Scrisse anche opere narrative.

 

Luigi Fallacara [Bari 1890 – Firenze 1963]. Insegnante di Lettere, per lunghi anni, a Firenze. Dopo una giovanile esperienza futurista, si aggregò al gruppo fiorentino del «Frontespizio». Tra le opere poetiche: Illuminazioni (Varese 1925); I firmamenti  terrestri (Milano 1929); I giorni incantati (Pistoia 1930); Confidenza  (Genova 1935); Notturni (Firenze 1941); Celeste affanno (Firenze 1956); Così parla  l’estate  (Padova  1959); Il più della vita (Lecce 1961); Il frutto del tempo (Vicenza 1962). Scrisse anche opere narrative.

 

Umberto Fraccacreta [San Severo (Fg) 1892 – 1947]. Laureato in Giurisprudenza, dopo aver risieduto per anni a Roma, si dedicò alla gestione dell’azienda agraria di famiglia. Tra le opere poetiche: Poemetti (Bologna 1929); Elevazione: liriche (Bologna  1931); Nuovi poemetti (Bologna 1934); Motivi Lirici (Bologna 1936); Amore e terra (Modena 1943); Vivi e morti (Trani 1944); Ultimi Canti (Bari 1948).

 

Carlo Francavilla [Castellana Grotte (Ba) 1916 – Roma 1986]. Giornalista, deputato e senatore per il PCI, dopo gli anni dell’impegno giovanile vissuti a Bari, si trasferì a Roma. È stato Premio Viareggio – opera prima con il libro  di poesie  Le terre della sete (Manduria 1977), cui sono seguiti il poema Il suicidio di Osman (Manduria  1979) e, postumo, Questo e non altro (Roma 1988).

 

Rosella Mancini [Monopoli (Ba) 1920 – Roma 1995]. Laureatasi in Lettere classiche, si trasferì in età giovanile a Roma, per restarvi fino alla morte. Tradusse poeti inglesi e latini. Tra le opere poetiche:  Momenti e fluttuazioni  (Modena 1949) tradotta anche in francese;  L’ulivo e la Puglia (Bari 1960); Madre, mia figlia (Roma 1986); La piuma e il piombo (Roma 1993); Gatti stellari e terrestri (Milano 1995).

 

Vittorio Pagano [Lecce 1919 – 1979]. Insegnante e traduttore dal francese, visse a Lecce, dove fu vivace animatore culturale e critico militante, spendendosi a favore di una cultura letteraria che superasse i confini regionali. Tra le opere di poesia: Calligrafia astronautica (Galatina 1958);  I privilegi del povero: 1939-1959 (Galatina 1960); Morte per mistero (Lecce 1963); Zoogrammi (Lecce 1964).

 

Cristanziano Serricchio [Monte Sant’Angelo (Fg) 1922 – Manfredonia (Fg) 2012]. Vissuto a Manfredonia, dove diresse l’Istituto Magistrale, fu studioso di storia patria e di archeologia. Tra le opere poetiche: Nubilo et sereno (Foggia 1950); L’ora del tempo (Lucugnano 1956); Fiori sulle pietre (Foggia 1957); L’estate degli ulivi (Manduria  1973); Stele Daunie  (Manduria 1978); Arco Boccolicchio (Foggia  1982); Topografia  dei giorni (Manduria 1988); Semillas de palabra (Madrid 1996); Lu curle (Pasian  di Prato 1997); Il tempo di dirti (Roma 1998); Le orme (Forlì 2001); Villa Delia (Lecce 2002); Il mito del ritorno: poemetti (Roma 2008). Scrisse anche saggi e opere di narrativa.