Scatti di poesia | ’NDO COJE STO RAGGIO DE LUNA
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
17033
page-template-default,page,page-id-17033,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

’NDO COJE STO RAGGIO DE LUNA

Roberto Mirulla – Gianicolo (Roma)

dialetto di Roma

’Ndo co je sto raggio de luna


Enrico Meloni
dialetto di Roma


Luces de Roma incanto a primavera
io v’aricordo ar lume de lo smogghe,
pioviccica mo, ccelo fosco ar Pincio,
anima munni ar bivio de la sera.
Me trincia er corason sta pioggiarella
è un mammatrone che ss’è sfebbrato
che vale ddu pesetas der caudillo
ma strugge come assedio de wermàchte.
Ce sto a combatte ner firmamento
de ’n truce cacasenno rifardito
che smèntega e impaura de calle
spoilerato da ’n gotha de capiscioni.
È ffacile che stona sta flesciata
de info nimicacce de la pax,
’ndo coje mo sto raggio de la luna
llà cc’è ppiù lluce verzo verità.

Dove si proie tta questo raggio di luna. Luci di Roma incanto a primavera / vi ricordo al lume dello smog, / pioviggina ora, cielo fosco al Pincio, / anima mundi al bivio della sera. // Mi frantuma il cuore questa pioggerella / è una malinconia sfebbrata / che vale due pesetas del caudillo Franco / ma strugge come un assedio della wermacht. // La sto affrontando nel firmamento / di un truce cacasenno che rinnega le sue parole / che smemora e spaventa di panzane / spoilerato da un gotha di sapientoni. // È plausibile che stoni questo sconvolgimento / di info decisamente ostili alla pace, / dove ora si proietta questo raggio di luna / là c’è più luce verso la verità.