Scatti di poesia | LA CLONA DLA MIMôRIA
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
17043
page-template-default,page,page-id-17043,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

LA CLONA DLA MIMôRIA

Dario Apostoli – Comacchio (FE)

dialetto di San Pietro in Vincoli, Frazione di Ravenna (RA)

La clona dla mimôria


Nevio Spadoni
dialetto di San Pietro in Vincoli, Frazione di Ravenna (RA)

Int al nöst tër‘do che la nebia a e’sól
la fa al gatòzal, u j è stê di dè
ch’la j à balê la môrt sót a un zil d’piòmb:
l’éra l’invéran cun i murs dla fâm,
dal vós struzêdi e spen int i garet.
A la stason de’ grân i lantarnen
dal lòzal j éra murt,e seca l’érba,
al göbi a gala sóra l’acva mêrza.


Una clona carpêda cun di nom,
òna dal tâñti ch’al sangona in zir,
in cumpagnì d’un fiór la conta incù
che e’côr e’ luta a vivar sèmpr in cvi
che j avnirà a lavurê stal tër
e al turnarà a la bresa agli év incóra,
da e’sparavir piò lebri al rundaneñ.
Int al nöst ca a cusen la piê dla pês;
a n s’rasignen a dì che e’ s-ciân l’è sèmpar
cme alóra, cvel dla pré e nench dla sfròmbla

IL CIPPO DELLA MEMORIA. Nelle nostre terre dove la nebbia / fa il solletico al sole, ci sono stati giorni/ in cui la morte ha ballato sotto un cielo di piombo: / era l’inverno coi morsi della fame, / di voci strozzate e spini nei calcagni. / Alla stagione del grano i lanternini / delle lucciole erano spenti e secca l’erba, / le carpe galleggiavano sull’acqua putrida. / Un cippo pien di crepe con dei nomi, / uno dei tanti che sanguinano in giro, / in compagnia di un fiore ci dice oggi / che il cuore continua a vivere sempre in quelli / che verranno a lavorare queste terre / e ritorneranno di nuovo le api al favo, / dallo sparviero più libere le rondini. / Nelle nostre case cuociamo la piada della pace / e non ci rassegniamo a dire che l’uomo sarà sempre / come allora, quello della pietra e pure della fionda.