Scatti di poesia | FOTOGRAFI – 7a ed
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
17248
page-template-default,page,page-id-17248,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

FOTOGRAFI – 7a ed

Dario APOSTOLI [Berna (CH), 1970]. Sin da ragazzo si dedica alla fotografia occupandosi personalmente di sviluppo e stampa. Partecipa a numerosi corsi e work-shop affinando la conoscenza delle tecniche e della storia della fotografia italiana e internazionale. Insegna fotografia in corsi per enti pubblici e privati. Dal 2008 sperimenta il cinema filmando cortometraggi con il telefono cellulare. Ha all’attivo numerose pubblicazioni e mostre. Vive a Pavullo nel Frignano (MO).

Antonio ARMENTANO [Tarsia (CS), 1958]. Vive e lavora a Cosenza dove divide il suo tempo tra la diagnostica per immagini e la fotografia, come ricerca. Ha pubblicato Verso Dentro (2010), insieme ai cataloghi Confini di Mare; Always Returning. Ha esposto in mostre personali e collettive tra cui la VII edizione del Festival Internazionale della Fotografia di Roma, 2008 e Corigliano Fotografia, 2011 e 2014.

Enrico BERNASCONI [Mandello del Lario (LC), 1947]. Ingegnere, già dirigente d’industria, vive a Lecco. A metà degli anni ‘70 conosce i lavori di Ernst Haas e Mario Giacomelli e ne resta colpito. Inizia quindi a fotografare prediligendo una fotografia che superi la semplice documentazione della scena ripresa, mirando invece a decontestualizzarne i contenuti descrittivi per meglio sottolineare gli aspetti emozionali. Numerose le mostre personali e collettive.

Maurizio CIANCIA [Tuscania (VT), 1978]. Autodidatta, ha scelto la fotografia come consapevole mezzo d’espressione. Dal 2016 si dedica unicamente a lavori di ricerca incentrati su una personale concezione dello spazio e del vuoto. Principali eventi espositivi: Vedere Oltre, Motta di Livenza, (2017); Maravee Fiction Come se…, Castello di Susans (2018); Trevignano Fotografia Sperimentalismi (2019); Cluster Photography&Print, London (2020). Vive e lavora a Udine.

Lorenzo CICCONI MASSI [Senigallia (AN), 1966]. Dal 2000 è uno dei fotografi dell’agenzia “Contrasto”. Nel 2003 esordisce alla regia con il film Prova a volare, con Riccardo Scamarcio. Nel 2007 è premiato al World press photo. Nel 2011 espone le sue opere alla Biennale di Venezia a cura di Vittorio Sgarbi e a Paris Photo. Nel 2012 lavora al progetto Altagamma Italian Contemporary Excellence. Del 2016 è invece la mostra Le donne volanti a Palazzo Montecitorio, su invito della Presidente Boldrini.

Vinicio DRAPPO [Assisi (PG), 1958]. Si avvicina alla fotografia nei primi anni ’80. È tra i fondatori del Gruppo Istanti – Fotografia e Cultura di Perugia. Nel 2014 entra a far parte di Spontanea, collettivo italiano di Street photography. Conduce workshop sulla fotografia di strada. Ha esposto alla Somerset House di Londra, a Liverpool, a Bratislava e nel 2015 al Miami Street Photography Festival. Il suo lavoro Deep Night è inserito come caso di studio nel libro Portfolio di Augusto Pieroni (2015). 

Vittore FOSSATI [Alessandria, 1954]. Vive ad Alessandria, dove si occupa di fotografia dal 1977. Entrato in contatto con Luigi Ghirri, partecipa a molti dei progetti collettivi da lui promossi (Iconicittà, Penisola, Viaggio in Italia, Traversate del deserto, Esplorazioni sulla Via Emilia). Nel 2004 è stato pubblicato, a cura di Roberta Valtorta, il volume Appunti per una fotografia di paesaggio. Nel 2007 esce Viaggio in un paesaggio terrestre, realizzato con lo scrittore Giorgio Messori. Del 2012 e del 2018 sono i due quaderni Il Tanaro a Masio, entrambi con un testo di Matteo Terzaghi.

Eleonora GIANNETTO [Milano, 1995]. Cresciuta in Sicilia con la famiglia, appena diciottenne è tornata nel capoluogo lombardo per conseguire una laurea in Marketing presso l’Università Bocconi. Attratta fin da piccola dall’arte fotografica, ha partecipato a diversi workshop e laboratori fotografici con importanti autori. Negli ultimi anni ha rivolto un particolare interesse alle riprese paesaggistiche, soprattutto a quelle del contesto etneo e della Sicilia orientale. Vive e lavora a Milano.

Roberto MIRULLA [Roma, 1972]. Laureato in architettura, si avvicina alla fotografia alla fine degli anni ‘80, approfondendone lo studio e dedicandosi in seguito all’insegnamento. Cura progetti fotografici personali, in particolare sul paesaggio urbano e l’architettura. Al suo attivo molte mostre in tutta Italia, fra le quali L’Anima di Roma con Franco Fontana e QFF a Palazzo Merulana, Roma (2019) e Le geometrie e la luce presso “studio Tiepolo” e “Casa dell’architettura”, Roma (2019). Vive e lavora a Roma.

Alessandro ORREA [Modena, 1965]. Legato alla Sardegna per motivi professionali, si occupa di fotografia prediligendo i paesaggi e l’architettura. Ha partecipato a diverse mostre tra cui Terre d’occidente, da cui è stato tratto l’omonimo libro in collaborazione con il poeta e scrittore Guido Dorascenzi (2017). Con l’amico Massimo Baraldi ha fondato nel 2013 il Consorzio Creativo, Associazione culturale con sede in Modena.

Giulio SPERANZA [Roma, 1980]. Dottore di ricerca in Scienze Geologiche, si occupa soprattutto di fotografia paesaggistica di montagna, utilizzando sistemi analogici grande formato. È presentato sui siti ufficiali di Linhof e Sinar, è partner di Jobo Artisan nonché tester per StenopeiKa. Tiene regolarmente corsi di fotografia grande formato e tecnica di uso delle fotocamere a corpi mobili.

Giuseppe PAVONE [Bari, 1955]. Ingegnere, vive a Triggiano (Ba), dove ha fondato e dirige il Centro Ricerche per la Fotografia Contemporanea, conducendo un’organica ricerca sul territorio e le sue trasformazioni, con particolare attenzione alle periferie. In questo ambito ha pubblicato, tra l’altro, Viaggio parallelo (2005); Lavori in corso (2006); La luce del paesaggio (2011); Herbarium (2016); Punti di fuga (2019).