Scatti di poesia | FOTOGRAFI
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
14906
page-template-default,page,page-id-14906,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

FOTOGRAFI

Mimmo Attademo [Foggia 1954]. Architetto, laureato presso il Politecnico di Torino con una tesi su “La fotografia ad uso dell’architettura”. Numerosi i viaggi fotografici: in Indonesia, Australia, oregon New Messico. docente di Fotografia presso l’Accademia di Belle Arti di Bari, è iscritto all’ordine dei Giornalisti, elenco pubblicisti fotoreporter. Ha pubblicato servizi fotografici per importanti riviste italiane. Tra le mostre personali, l’ultima a Bruxelles presso il Parlamento europeo (2013).

 

Berardo Celati [Bari 1954]. Collaboratore di “Spazio – Immagine” con mostre, progetti e interventi didattici, utilizza la fotografia per documentare l’opera dell’uomo sul territorio. diverse le pubblicazioni edite tra Bari e Padova, Bologna e Roma. Ha insegnato Fotografia  presso corsi di formazione professionale e altre sedi. Numerose le mostre collettive e individuali.

 

Angela Cioce  [Bari]. Inizia l’attività  fotografica nell’ambito del Teatro Petruzzelli, realizzando video e libri. Sue foto fanno parte di diverse collezioni tra cui la Fondazione Italia dell’Università di Puebla in Messico, il Fondo fotografia italiana della Pinacoteca Provinciale di Bari, l’Archivio Versace e la nave da crociera Costa  Mediterranea. Ha rappresentato l’Italia alla Biennale des Photographes et Cineastes de la dance européeans di Parigi nel 2009.

 

Stefano Di Marco [Triggiano  (Ba) 1950]. Avvia nel 1979 la ricerca fotografica lungo i territori della memoria antropologica e privata, per rivolgere quindi l’interesse verso luoghi e paesaggi, con la serie “dai bordi e al margine”. Ha esposto in molte città italiane e all’estero. Suoi lavori sono conservati in diverse raccolte pubbliche e private, tra cui la Bibliotèque Nationale di Parigi, dèpartement des Estampes et de la Photographie.

 

Giuseppe Di Palma [Monopoli (Ba) 1953]. Laureato in Architettura, con studi tra Venezia e Firenze, è funzionario nell’ambito dell’Amministrazione comunale di Monopoli, dov’è stato a lungo responsabile del settore dei Beni culturali. Spinto dalla curiosità verso le tracce della cultura arcaica mediterranea,  con lo scopo di sottrarle all’amnesia, ha illustrato diverse edizioni di taglio turistico-culturale.

 

Carlo Garzia [Bari 1944]. Laureato in Lingua e Civiltà francesi, oltre a numerose mostre personali, ha partecipato ad alcuni degli eventi più significativi della nuova fotografia italiana, tra Roma e Milano, Lugano e New York, compresa la Biennale di Venezia. Come socio fondatore di “Spazio – Immagine” e de “La Corte – fotografia e ricerca”, ha curato numerosi progetti. Sue immagini sono, tra l’altro, presso il Museo Nazionale Etnografico di Roma, il Museo di Fotografia Contemporanea di Villa Ghirlanda a Milano, il Museo Pino Pascali di Polignano a mare, Il Maxxi di Roma. Ha tenuto cicli di lezioni sulla fotografia contemporanea per il Museo della Fotografia del Politecnico di Bari.

 

Cosmo Laera [Alberobello (Ba) 1962]. Avvia giovanissimo il suo percorso fotografico e comincia ad esporre negli anni ’80 in Italia e all’estero, privilegiando il rapporto tra visione, luoghi e territorio. Ha curato e cura rassegne e manifestazioni incentrate sulla fotografia. Sue opere sono in collezioni permanenti, gallerie private, musei ed istituzioni. direttore Artistico del settore fotografico di “Casa Cava” a Matera, insegna Fotografia all’Accademia di Brera di Milano.

 

Gianni Leone [Bari 1939]. docente di Storia delle dottrine politiche all’Università di Bari, si occupa di fotografia dal 1979, dopo di che dirige per alcuni anni la galleria “Spazio – Immagine” di Bari, privilegiando l’approfondimento del rapporto tra fotografia, arti visive e scrittura e promuovendo gli “Incontri di Spazio Immagine” e altre iniziative tra cui – con Enzo Velati – la mostra presso la Pinacoteca Provinciale di Bari “Viaggio in Italia”, ideata e curata da Luigi Ghirri. Molte le mostre tra Reggio Emilia e Polignano a Mare, Napoli e Rimini.

 

Giuseppe Pavone [Bari 1955]. Ingegnere, si occupa di fotografia di paesaggio, tema sul quale ha tenuto molte mostre tra Bari e Spalato, Matera, Milano e Berlino. Ha pubblicato diversi libri e cataloghi fotografici. Fondatore del Centro Ricerche per la Fotografia Contemporanea, dal 2005 conduce un’organica indagine sul territorio e le sue trasformazioni, con particolare attenzione alle periferie. In questo ambito, dal 2005 al 2014, ha curato e realizzato, insieme con Enzo Velati, diverse pubblicazioni sulla fotografia di paesaggio.

 

Michele Roberto [Molfetta (Ba) 1944]. Chirurgo plastico e docente presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Bari, vive tra Bari e Milano, coltivando l’interesse per la fotografia con una predilezione per i temi legati all’ambiente e ai Beni culturali. Particolarmente interessato alle architetture teatrali, in questo ambito ha pubblicato, tra l’altro, in collaborazione con la Sovrintendenza per i Beni Culturali e Architettonici di Puglia, un lavoro sulle fasi del restauro del Teatro Petruzzelli, e, per la Provincia di Milano, gli esiti di una ricerca sulle peculiarità architettoniche e artistiche di diversi teatri nazionali. È Presidente dell’Associazione  culturale “La Corte – Fotografia e ricerca”.

 

Pio Tarantini [Torchiarolo (Br)  1950].  Studi  classici a Lecce e Scienze Politiche all’Università Statale  di Milano, dove vive dal 1973. Esponente della fotografia contemporanea italiana in quanto autore e studioso, ha realizzato in più di quaranta anni un corpus molto ricco di lavori esposti in molte importanti sedi italiane, pubbliche e private. Ha realizzato una decina di volumi fotografici; dalla fine degli anni ‘80 scrive di fotografia per molte riviste e insegna linguaggio fotografico.

 

Gianni Zanni [Bari 1948]. Si occupa di fotografia dalla metà degli anni’70, quando si interessa di cultura materiale e tradizioni popolari, producendo servizi oggi appartenenti al Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari di Roma. Agli inizi degli anni ‘80 fonda la galleria “Spazio – Immagine”, rivolgendo lo sguardo al “nuovo paesaggio” meridionale. Negli stessi anni intraprende l’attività professionale, occupandosi degli aspetti culturali e architettonici del territorio pugliese. dal 2001 al 2012 ha gestito, con altri, la galleria “La Corte – Fotografia e ricerca”.
Insegna Tecnica fotografica ed Elaborazione digitale presso l’IPSIA “Ettore Majorana” di Bari.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]