Scatti di poesia | Comunicato stampa
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
17101
post-template-default,single,single-post,postid-17101,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

Comunicato stampa

Comunicato stampa

Torna a Bari “Scatti di Poesia”, la mostra fotoletteraria proposta dall’Agenzia di comunicazione Quorum Italia in partnership con l’Associazione socioculturale “La Goccia” di Putignano, giunta quest’anno alla settima edizione. E torna nonostante il Covid, affidando alla sinergia creativa tra le risorse espressive della poesia e della fotografia la possibilità di avvicinare tutte le regioni d’Italia in questo momento così particolare.
Al solito, la mostra presenterà, gli uni accanto gli altri, le foto e i testi distinti per regione. Per la prima volta, sono stati i fotografi ad ispirare i poeti e non viceversa e per la prima volta si tratta di poeti e testi poetici composti nei dialetti delle regioni convocate, a dimostrazione di quanto l’Italia sia ricca di cultura/culture espresse attraverso le parlate dei suoi luoghi, così lontani e diversi eppure in grado di relazionare e riunirsi all’insegna dell’arte.
I fotografi e i poeti sono tutti di alto livello e rappresentano al meglio le realtà territoriali in cui operano attivamente. Si va (citando prima i poeti e poi i fotografi) dal Piemonte di Remigio Bertolino e Vittore Fossati, alla Lombardia di Piero Marelli ed Enrico Bernasconi, al Friuli di Nelvia Di Monte e Maurizio Ciancia. L’Emilia Romagna è rappresentata da Nevio Spadoni e Dario Apostoli, mentre le Marche da Fabio Maria Serpilli e Lorenzo Cicconi Massi. Abbiamo poi l’Umbria di Ombretta Ciurnelli e Vinicio Drappo, il Lazio di Enrico Meloni e Roberto Mirulla, l’Abruzzo di Marcello Marciani e Giulio Speranza, la Calabria di Dante Maffia e Antonio Armentano. Anche le isole sono state chiamate a dire la loro attraverso Maria Grazia Cabras e Alessandro Orrea per la Sardegna, Nino De Vita ed Eleonora Giannetto per la Sicilia. La Puglia, infine, reca le firme di Giuseppe Pavone per la fotografia e di Lino Angiuli per la poesia, curatori del progetto insieme a Daniele Maria Pegorari, professore di Italianistica nell’Ateneo barese.
La settima edizione si caratterizza inoltre per una dimensione multimediale dell’iniziativa: insieme al testo e allo scatto la mostra proporrà, in video e attraverso un Qrcode, la lettura dei testi da parte dei poeti invitati. Dodici lingue in un unico concerto di suoni, parlate, sensibilità, accenti: un coro di specificità espressive impegnate a produrre unità, dialogo, comunità.
Un calendario artistico del 2021 raccoglierà tutti i materiali testuali e fotografici ospitati nella mostra.
Il progetto gode dell’adesione della Città di Bari, del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi “Aldo Moro” e della «Gazzetta del Mezzogiorno», aggiuntesi al novero dei partner storici dell’iniziativa (Edizioni Adda di Bari attraverso la rivista «Incroci»; Centro Ricerche per la Fotografia Contemporanea), sotto l’egida del MIBACT e con il sostegno della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale di Roma.
La mostra sarà inaugurata in presenza, alle ore 18.00 di venerdì 16 ottobre presso il Centro polifunzionale per gli Studenti dell’Università di Bari, piazza C. Battisti, 1. Interverranno Ines Pierucci – Assessore alle Politiche culturali e turistiche della Città di Bari; Paolo Ponzio – Direttore del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Bari e Daniele Maria Pegorari – curatore scientifico del progetto.
Nell’ambito della mostra è in programma, per venerdì 6 novembre alle ore 18.00, un incontro a cura del Centro Ricerche per la Fotografia Contemporanea. Interverranno Enzo Velati – critico d’arte – e Giuseppe Pavone sul tema “Ut pictura poesis. Per un dialogo tra fotografi e poeti”.
La mostra sarà visitabile dal 16 ottobre al 6 novembre in pieno rispetto delle norme anticovid. Ingresso libero dal lunedì al venerdì ore 9:00 – 19:00; il sabato ore 9:00 – 15:00.

Con richiesta di divulgazione. Grazie.

 

Per informazioni:
www.scattidipoesia.it
facebook: scatti di poesia

Quorum Italia
tel. 080.5576371
email: info@quorumitalia.com