Scatti di poesia | A PRIMA VOTE
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
17037
page-template-default,page,page-id-17037,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

A PRIMA VOTE

Antonio Armentano – Tarsia (CS)

dialetto di Roseto Capo Spulico (CS)

A prima vote


Dante Maffia
dialetto di Roseto Capo Spulico (CS)


A prima vòta ca frète mìje
da Rusìte m’è purtèt’a Cusènze
jìlle guidàved’ a Seicìnt’ e jìje
leggìje i nòme di pajìse
prim’i ci trasì.
Giggì, sìm’a Tarsìje.
Se dìce Tàrsie.
E pu… a dìghe,
nu mère zìnne ca fèd’a currente.
L’ucchie sène ghìnt’i pommedìje nùve,
l’acqua cantàvede, sperlucènte,
u sògue cùntàvede i quànne
Gesù Crìste ha truvète
nu gaccarròne com’a quìsse
e ce camminète.

LA PRIMA VOLTA. La prima volta che mio fratello / da Roseto mi ha portato a Cosenza / lui guidava la Seicento e io / leggevo i nomi dei paesi / prima di entrarci. / Luigi, siamo a Tarsìa. / Si dice Tàrsia. / E poi… la diga, / un piccolo mare che produce corrente elettrica. / Gli occhi mi si riempirono di favole nuove, / l’acqua cantava, luccicante, / il sole raccontava di quando / Gesù Cristo trovò / un laghetto come questo / e camminò sopra le acque.