Scatti di poesia | A CCHELÒRE
Il progetto, programmato con cadenza annuale, intende fungere da laboratorio di ricerca per la produzione di immagini fotografiche della Puglia, originali e creative, ispirate a testi poetici dedicati a diversi aspetti della regione. L’idea che sottende la mostra “fotoletteraria” Scatti di poesia mira, infatti, a produrre “visioni” artistiche della Puglia in virtù di un incrocio creativo tra poesia e fotografia, che – per la prima edizione – vede coinvolti dodici poeti pugliesi tra i più rappresentativi (Aldo Bello, Vittorio Bodini, Raffaele Carrieri, Girolamo Comi, Gianni Custodero, Giuseppe D’Alessandro, Luigi Fallacara, Umberto Fraccacreta, Carlo Francavilla, Rosella Mancini, Vittorio Pagano, Cristanziano Serricchio) e altrettanti fotografi pugliesi o di origine pugliese (Mimmo Attademo, Berardo Celati, Angela Cioce, Stefano Di Marco, Giuseppe Di Palma, Carlo Garzia, Cosmo Laera, Gianni Leone, Giuseppe Pavone, Michele Roberto, Pio Tarantini, Gianni Zanni).
Poeti, poesia, fotografi, mostra, castello monopoli
17025
page-template-default,page,page-id-17025,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive

A CCHELÒRE

Giuseppe Pavone – Minervino Murge (BT)

dialetto di Valenzano (Ba)

A cchelòre


Lino Angiuli
dialetto di Valenzano (BA)

Do’ vólde verde u uàscẹ mi’
chelòre de grane criature naterale
alla varve nascetizze spendate ô cóste
de na paròle fattappóste precuate cu
chiandature jinde ô sprefunne du tíembe ggiuste
da l’àneme ca nghiànene a scarvettà u súenne
pe ddarne d’abbevesce ognévvólde
mménz’ô ggrigge de quatte tòvere avanzate
da tanne vegghe ca stonne bbúenebbúene
ad alzà allariallarie fingh’ê mbacce a u azzurre
la polve de l’óssere passate ô farnale eterne
addò vonne a ffernesce le sègue de le sègue
le dî ca ténene le píete a mmúedde jind’ô marròne
còm’a stu piòne de cìgere négre mesckate
cu bbianghe de cert’angiolette núeste nanza’?

A COLORE. Due volte verde il giaciglio mio / colore di grano creaturo uguale / alla barba neonata spuntata al costo / di una parola fattapposta sepolta col / piantaturo dentro lo sprofondo del tempo giusto / dalle anime che salgono a scarvottare il sonno / per darci da resuscitare ognivvolta / in mezzo al grigio di quattro tufi avanzati / da allora vedo che stanno buonibuoni / ad alzare allariallaria fino in faccia all’azzurro / la polvere delle ossa passate al setaccio eterno / dove vanno a finire i secoli dei secoli / i giorni che tengono i piedi a mollo dentro al marrone / come ’sto pugno di ceci negri mischiati col bianco / di certi angioletti nostri non sai?